Illegittima la cartella di pagamento notificata via pec in formato pdf

By Ott 06, 2017
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nulla la cartella notificata via PEC in formato ".pdf".

La CTP di Reggio Emilia, con la sentenza n. 204 emessa lo scorso 31.07.2017, ha confermato l’invalidità della notifica effettuata a mezzo PEC di alcune cartelle di pagamento allegate alla corrispondenza in formato PDF, pertanto prive di firma digitale.

Nella sentenza si legge quanto segue:

... la notifica via PEC non è valida se avviene, come nella fattispecie, tramite messaggio di posta elettronica certificata contenente il file della cartella con estensione ".pdf" anziché ".p7m" , atteso che solo l'integrità e l'immodificabilità del documento informatico, ma anche, per quanto attiene alla firma digitale, l'identificabilità de suo autore e conseguentemente la paternità dell'atto è garantita solo attraverso l'estensione del file ".p7m".
Infatti, con la notifica via PEC in formato ".pdf", non viene prodotto l'originale della cartella, ma solo copia elettronica senza valore perchè priva di attestato di conformità da parte del Pubblico Ufficiale.
Come detto, solo l'estensione ".p7m" del file notificato, estensione che rappresenta la cosiddetta "busta crittografica" contenete al suo interno documento originale, l'evidenza informatica della firma e la chiave per la sua verifica, può attestare la certificazione della firma

In difetto di detta estensione del file, la noticazione via PEC delle cartelle di pagamento non è valida con ANNULLAMENTO derivato delle cartelle stesse.


Per info  e delucidazioni sulla modalità di ricorso contattaci



Leggi anche
Nulla la cartella notificata alla cognata se non abita allo stesso indirizzo del destinatario
Impugnabile l'estratto di ruolo
La sospensione delle cartelle esattoriali


 

Seguici su  

Scarica la nostra APP disponibile su  
Letto 702 volte