"Nuove imprese a tasso zero" per giovani e donne

By Gen 26, 2017
Vota questo articolo
(0 Voti)
Al via l'incentivo per i giovani e le donne che vogliono avviare una micro o piccola impresa. 
La misura, valida in tutta Italia, finanzia progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro e consistono in un finanziamento agevolato senza interessi (tasso zero) della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali. Si rivolge a imprese costituite in forma societaria da non più di 12 mesi, comprese le coop, la cui compagine societaria sia composta per oltre metà dei soci e delle rispettive quote da giovani tra 18 e 35 anni e/o da donne. Possono concorrere anche le società non ancora formate purché la costituzione, da parte di sole persone fisiche, avvenga entro 45 giorni dall"ammissione al beneficio.

Lo stanziamento iniziale è di circa 50 milioni di euro. È possibile presentare domanda a partire dalle ore 12.00 del 13 gennaio 2016.

Le imprese devono garantire la restante copertura finanziaria e realizzare gli investimenti entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento.

Invitalia valuta le richieste, concede i finanziamenti e monitora la realizzazione dei progetti d’impresa.

La domanda si presenta solo online, sulla piattaforma informatica del soggetto gestore Invitalia. E’ necessario, dunque, registrarsi ai servizi online di Invitalia per poi compilare direttamente in rete la domanda nell"area riservata, caricare il business plan e la documentazione da allegare.

Quanto alle spese ammissibili, includono suolo aziendale (nel limite del 10% del programma complessivamente ammesso), fabbricati (40% per industria, artigianato, commercio, servizi, innovazione sociale; 70% per turismo), macchinari e impianti (100%), brevetti, licenze, marchi, software (20%), formazione e consulenze specialistiche (5%).

Invitalia ricorda che «Nuove imprese a tasso zero» non è tecnicamente un bando: quindi non ci sono scadenze, né graduatorie e le domande vengono valutate in base all"ordine cronologico di arrivo, fino ad esaurimento fondi. Dopo la verifica formale, è previsto un esame di merito che comprende anche un colloquio con gli esperti della società controllata dal Tesoro.

Alla data odierna Invitalia ha sospeso l’attività di valutazione delle richieste risultate potenzialmente eccedenti, ma, con la disponibilità di ulteriori risorse finanziarie, riavvierà la valutazione delle domande sospese secondo l’ordine cronologico di presentazione.

Per maggiori informazioni CONTATTACI


Fonte: IlSole24Ore

 

Mar 17, 2017
Letto 849 volte