Congedo INPS donne vittime di violenza

Mag 03, 2016

L’INPS, con Circolare n. 65 del 15 aprile 2016, ha diramato le istruzioni relative al congedo previsto dal decreto legislativo n. 80/2015 dedicato per le donne vittime di violenza di genere che intraprendono percorsi di protezione .

La circolare prevede che le lavoratrici, per lo svolgimento di tali percorsi, abbiano diritto di astenersi dal lavoro per 90 giornate anche non continuative, interamente retribuite.

Il congedo in argomento è stato previsto, in via sperimentale, per l’anno 2015 e poi esteso anche per gli anni successivi.

Possono beneficiare del congedo le lavoratrici di ogni settore lavorativo.

Le lavoratrici/collaboratrici avranno diritto al congedo in presenza di due requisiti congiunti, ossia che risultino titolari di rapporto di lavoro in corso di svolgimento con obbligo di prestare l’attività lavorativa e siano inserite nei percorsi certificati dai servizi sociali del Comune di appartenenza, dai centri antiviolenza o dalle case rifugio.

L'INPS specifica che il congedo, fruibile nell'arco di tre anni, può essere fruito su base giornaliera o oraria, secondo quanto stabilito dai contratti collettivi nazionali stipulati dalle organizzazioni comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

La lavoratrice dovrà presentare la domanda in modalità cartacea all' INPS prima dell’inizio del congedo, utilizzando il Modello SR165 con indicazione del periodo richiesto che, ricordiamo, deve comprendere le sole giornate lavorative previste in quanto solo queste ultime sono indennizzabili.

Per il periodo indennizzato spetta la contribuzione figurativa ai fini pensionistici.



Fonte: leggidilavoro.it

Mag 03, 2016
Letto 832 volte